Grande successo di pubblico e di visitatori allo stand del gruppo Cabro al Glasstec 2014 a Düsseldorf in Germania - una delle manifestazioni fieristiche internazionali più importanti per il settore del vetro che ogni due anni detta le tendenze proiettando il mondo del vetro verso il futuro.


Progettato e curato in ogni dettaglio dagli architetti aretini Cecilia Brogi e Sonia Brunacci in un raffinato ed armonico connubio tra le opere d’arte del maestro Franco Fedeli e le creazioni realizzate con i prodotti delle società facenti parte del gruppo, lo stand ha attirato con la sua modernità ed eleganza visitatori da ogni parte del mondo, esaltando e valorizzando la creatività del Made in Italy e distinguendosi per l’impatto visivo.


Design, arte, innovazione e tecnologia sono i tratti distintivi che hanno rappresentato tutte le aziende del gruppo – Cabro SpA, Rüger&Günzel GmbH, Nanesa Srl – con i loro prodotti: oro liquido e lustri, colori e prodotti per la decorazione di vetro e ceramica, paste, inchiostri e fiocchi conduttivi a base di argento.


Novità assoluta presentata in preview ad una manifestazione internazionale i nanomateriali fluorescenti di Cabro ed i prodotti a base di Grafene di Nanesa.


Tra i nanomateriali i prodotti della linea SAFE 79, un sistema di anticontraffazione costituito da oro nanometrico fluorescente perfettamente invisibile e trasparente alla luce solare, la cui fluorescenza è rilevabile per mezzo di uno strumento portatile solo in particolari condizioni di eccitazione a determinate lunghezze d’onda producendo, colori e frequenze uniche e difficili da imitare. Cabro garantisce un alto grado di sicurezza, riservatezza e personalizzazione grazie alla possibilità di modulare l’emissione della luce utilizzando un codice di colori controllato e unico che identifica il prodotto in modo univoco. Tali fluorofori, possono essere usati come pigmenti da a matrici di differente natura (polimeri, vernici, inchiostri, paste etc..), possono essere sfruttati per una vastissima gamma di applicazioni, che spaziano dal settore della moda (tessuti, filati, pellami, solo per citare alcuni esempi), al biomedicale; dal farmaceutico, al cosmetico, dall'ottica, alle arti decorative-design, dal controllo di qualità all'anticontraffazione o alla tracciabilità di prodotti in filiere produttive.


Il Grafene, il cosiddetto “materiale delle meraviglie”, costituito da uno strato monoatomico di atomi di carbonio collocati su una struttura a nido d’ape, scoperto appena una decina di anni fa e destinato a rivoluzionare la fisica, l’elettronica, la meccanica, l’ottica (solo per fare alcuni esempi di campi di applicazione) viene prodotto da Nanesa in differenti tipologie per differenti applicazioni.